L’amore degli italiani per il mondo animale non è un segreto. Le stime dicono che, ad oggi, nelle nostre case ci sono 62,1 milioni di animali domestici, di cui circa 8,2 milioni di cani e 7,9 milioni di gatti (quattordicesimo rapporto Assalco-Zoomark).

Le famiglie che possiedono un animale domestico sono 12,2 milioni e, di fatto, si tratta della metà di tutte le famiglie italiane censite dall’Istat, che sono 25 milioni e 700 mila  ma…

Quanti di questi animali risultano assicurati?
Stando alle stime del 2020, solo il 15% degli italiani proprietari di un animale domestico lo ha assicurato. Sono numeri che fanno riflettere, anche in virtù di eventuali danni che i nostri amici animali possono provocare a terzi.

Esistono soluzioni assicurative per questi casi? SI!
La polizza RC del capofamiglia, che considera “famiglia” anche l’animale domestico. Questa assicurazione copre in caso di danni provocati a terzi dai membri della tua famiglia.

Ok, ma nella pratica come funziona? Facciamo un esempio
Supponiamo di ricevere una denuncia per un danno provocato dal nostro cane.
La prima cosa da fare è trasmettere tempestivamente all’agenzia ogni richiesta risarcitoria ricevuta nonché tutta la documentazione connessa all’evento dannoso (fatture attestanti il danno, immagini, fotografie ecc…), in modo da consentire all’assicuratore di avere tutte le informazioni necessarie per aiutarci . L’agenzia provvede ad aprire la pratica e gestirà tutte le procedure e gli accertamenti, mettendosi in contatto con noi e seguendoci passo dopo passo.

Vuoi saperne di più? Visita il portale MyInsurer.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *