Conoscete tutti la favola dei tre porcellini? 🐷🐷🐷

A loro è andata bene: un fratello saggio e una casa di mattoni fanno sempre comodo nella vita. Se invece avessero dato il giusto valore alla loro abitazione? Se l’avessero costruita con più attenzione? Se in seguito alla costruzione avessero deciso di preservare il loro senso di protezione assicurandola? (scopri come tutelarla)
A volte capita anche a noi di non dare il giusto valore alla nostra dimora, proprio come i tre porcellini (nel loro caso, oltre a perdere la casa, hanno rischiato anche la pelle!)
La casa assume diversi ruoli a seconda delle prospettive: un investimento per alcuni, l’affitto per altri, una certezza per altri ancora. Un elemento comune tra tutte le facce che può assumere è che rappresenta quel luogo in cui torniamo per sentirci al sicuro, protetti e noi stessi 🏠
Nonostante per noi rivesta un ruolo fondamentale, sono ancora in pochi a pensare che in qualità di bene primario, questa debba essere assicurata.
Acquistare una polizza per la casa significa innanzitutto “assicurare te stesso” in caso di sinistri alla stessa. In questo articolo cercheremo di rispondere alle principali curiosità riguardanti la polizza.

1. Cosa copre?
La polizza interviene nel caso in cui avvenga un danno all’abitazione. Questo può riguardare ad esempio il fabbricato e il contenuto. I danni possono essere da incendio, da bagnamento, all’impianto elettrico e altri ancora, all’interno della scheda di polizza è indicato il capitale che rappresenta la somma massima che l’assicurazione può corrispondere.
La cifra da liquidare è proporzionale all’entità del danno.

2. A chi è rivolta?
La polizza può essere acquistata sia dal proprietario di un immobile che dall’affittuario. Tra i due vi è una distinzione in termini di garanzie. Per quanto riguarda il proprietario, all’interno della sezione incendio è presente la garanzia Fabbricato con cui si coprono danni all’abitazione provocati dal proprietario. Per l’affittuario, la situazione è diversa. La sezione incendio comprende la garanzia Rischio Locativo che, in caso di danni provocati dal locatario, preserva da eventuali rivalse da parte del proprietario dell’abitazione.

3.Come si calcola il capitale?
Ogni abitazione ha delle sue peculiarità e proprio per questo il capitale non si decide in maniera arbitraria. Viene calcolato in base alle caratteristiche della stessa, in particolare si tiene conto della grandezza dell’immobile e del suo valore al metro cubo.

Visita il sito www.buzziassicurazioni.it e scopri le offerte dedicate a te sul nostro portale MyInsurer. Rimaniamo a disposizione anche telefonicamente allo 010 565582 e tramite mail Info@buzziassicurazioni.it per eventuali chiarimenti o preventivi personalizzati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.