Usare termini tecnici non sempre aiuta a far capire la qualità del prodotto ma anzi rischia di creare un distacco tra il professionista e il cliente.
Partire dal presupposto che entrambe le parti siano sullo stesso livello di informazione e dare per assunti alcuni tecnicismi non fa altro che allontanare le parti lasciando spazio a dubbi e incomprensioni.
L’intento di questa rubrica è quello di rendere il classico “gergo assicurativo” quanto più snello, chiaro e semplice possibile proprio per colmare questa distanza comunicativa: una sorta di “glossario urbano” a portata di tutti.

Che termini devo conoscere?

POLIZZA: contratto di assicurazione.

ASSICURATO: Il beneficiario della copertura assicurativa.

CONTRAENTE: Chi stipula il contratto di assicurazione.
Es.1: Paolo stipula una polizza Infortuni personale: Paolo è sia contraente che assicurato.
Es.2: Francesco stipula una Infortuni  polizza per Paolo (perché è suo figlio ad esempio): Francesco è il contraente e Paolo è l’assicurato.

BENEFICIARIO: colui che beneficia degli effetti della polizza.
Stipulando una polizza vita personale (temporanea caso morte) il capitale che io voglio assicurare in caso di decesso, viene destinato a dei soggetti che sono i beneficiari.
Es. Paolo stipula una polizza che, in caso di decesso, corrisponderà ai suoi figli 500.000€; i figli sono i beneficiari.

FRANCHIGIA: la parte del danno, stabilita contrattualmente, che non viene pagata e quindi resta a carico dell’assicurato.
Es. Franchigia=3%; su un danno da 100€ viene pagato il 97%
Franchigia= 100€; su un danno da 1000€: 100€ li paga l’assicurato mentre gli altri 900€
vengono pagati dall’assicurazione.

SCOPERTO: è quella parte di costo che rimane sempre a carico dell’assicurato.
Es: scoperto del 10% con un minimo di 20€:
A) se si ha un sinistro da 100€ e il mio scoperto è del 10% ma con un minimo di 20€, la Compagnia assicuratrice corrisponde 80€ (20€ rimangono comunque a mio carico) anche se lo scoperto sarebbe stato 10€ (10% di 100€);
B) se si ha un sinistro da 400€ e il mio scoperto è del 10% ma con un minimo di 20€ dovrò pagare 40€ (10% di 400€)

QUIETANZA DI PAGAMENTO: è il documento che attesta il regolare pagamento della polizza.

TACITO RINNOVO: è quella condizione contrattuale per la quale una volta scaduta la polizza si rinnova automaticamente a meno che non si sia data disdetta entro i termini previsti dal contratto.

DISDETTA: possibilità dell’assicurato di rescindere il contratto di assicurazione una volta terminata la sua durata (documento da inviare 30giorni prima della scadenza a mezzo PEC o raccomandata).

RECESSO: possibilità dell’assicurato di richiedere l’annullamento del contratto entro 14 giorni dalla sua attivazione, se acquistata per via telematica e riguardante i rami elementari, mentre 30giorni per le polizze vita a prescindere dalla modalità di acquisto.

Scopri gli altri nostri articoli sul sito www.buzziassicurazioni.it e scopri le offerte dedicate a te sul nostro portale MyInsurer. Rimaniamo a disposizione anche telefonicamente allo 010 565582 e tramite mail Info@buzziassicurazioni.it per eventuali chiarimenti o preventivi personalizzati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.